Loading
viaggioinitaliatp:

MetaGrandtourismo a Pisa con Virgina Woolf e i coniugi Browning. Su Linus di Agosto.
ilpozzodisangue:

“The Passion of Fuckface” by Tuono Pettinato
viaggioinitaliatp:

Idillio bucolico per Joseph Addison, escursionista in quel di Terni.
Su Linus di Maggio (pag 1 di 2)
il Bowie della trilogia berlinese, per l’erudito blog del Conte Zarganenko
PASQUA SASQUATCH / EASTER BEASTMAN (2013)
lostaff:

Nome: Tuono Pettinato
Blog: Tuono Pettinato, Viaggio in Italia
Primo post: Dicembre 2011
Tuono Pettinato è un fumettista, un chitarrista finto, un illustratore e un autore pisano. E’ arrivato al grande pubblico con lavori come “Galileo! Un dialogo impossibile” (2009), “Garibaldi” (2010) e più recentemente con “Enigma, La strana vita di Alan Turing”, ma la sua produzione è vasta e capillare, passa tra free-press autoprodotte, superamici, riviste più o meno note, collettivi ed etichette discografiche dal nome improponibile. Gli abbiamo fatto qualche domanda.
Se le mie fonti non sono errate, ti sei laureato al Dams studiando più che altro cinema. Come è nata la passione per il fumetto?
Disegnando e trovando consensi che mi spronavano ad andare avanti: prima nei compagni di banco, poi coi giornalini scolastici e poi con le prime autoproduzioni. Ho sempre trovato nel fumetto un mezzo per far ridere, poi man mano ho provato a mescolare le risate con qualcosa di più complesso. E quando ho visto che i miei fumetti potevano piacere anche a persone al di fuori della mia cerchia di amici, forse quella è stata la molla per cominciare a fare sul serio. Sul serio si fa per dire, senza mai smettere di fare i cretini.
Se dovessi disegnare un film in fumetto quale sarebbe?
Credo mi cimenterei in un cinepanettone tratto da Ingmar Bergman. Lo intitolerei “Buzzurri e Grida”.
Tu sei un artista poliedrico, con un grande passato nella musica: mi si racconta che per anni (non) hai suonato la chitarra giocatolo nei Laghetto (noto gruppo della scena punk hc italica dei tardi anni ‘90, ndr.). Pare che ormai i Laghetto si siano sciolti, c’è da aspettarsi una carriera da solista?
Con l’ultimo lavoro i Laghetto sono giunti ad una maturazione concettuale inedita nel campo della musica: noi la chiamiamo “il coraggio di non suonare”. Adesso, in questo stesso istante contemporaneamente, ognuno di noi della band sta non-suonando da qualche parte.
Ultimo libro/fumetto acquistato?
Tra i vari recenti festival di fumetti ho fatto un po’ di acquisti. alcune scommesse sicure: “Rap Violent In The Ghetto Street” del Dr. Pira, “Blorch” di Maicol&Mirco, “Monte Battaglia” di Cortesi/Peddes/Paolini, “Alda Merini” di Silvia Rocchi, l’antologia “Raccolta 1992-2012” di Baronciani; e alcune gradite scoperte: l’anno passato ero impazzito per “Tormenti” di Furio Scalpelli, stavolta per “La Guerre De Cent Ans” di Gus Bofa, un modernissimo autore di fine ottocento!
 Su Tumblr hai anche un altro blog, Viaggio in Italia. Che roba è?
Il Grand Tour degli scrittori stranieri in Italia dal Seicento al Novecento è un argomento che frequento da un po’ di tempo. Il progetto inizialmente ha preso la forma di vignette brevi, comparse sul web in un paio di occasioni (prima col blog collettivo “Baffi”, al quale partecipavo assieme ad Alessio Spataro, Lucho Villani, Federica Del Proposto e Valentina Pettinelli, poi ospite di quegli allegri eruditi dell’Archivio Caltari).
Ho ripreso di recente questa mia ossessione per i viaggiatori vip d’altri tempi quando si è presentata l’occasione di serializzare episodi di due pagine mensilmente su Linus. Il Tumblr raccoglie bozzetti, anteprime e approfondimenti bibliografici sull’argomento. 
Mi piace utilizzare uno spazio web per coltivare l’immaginario di un progetto al quale sto lavorando, dà l’opportunità di spiegare meglio a chi ti segue cos’hai in mente e di far entrare il lettrore nel tuo mondo. A me poi dà anche l’impressione, sicuramente illusoria, di avere un qualche ordine e controllo sulle mie idee piuttosto ingarbugliate. 
Tumblr, con la sua immediatezza e il suo carattere fortemente visivo, è un ottimo strumento per questo proposito.
Come sei finito su Tumblr?
Non saprei, credo un po’ per curiosità e un po’ cercando uno strumento più efficace per condividere rapidamente e facilmente le immagini e i disegnetti. Sono anche, ahimè, molto volubile, per cui sono sempre pronto a lanciarmi in nuove applicazioni social per meglio propagandare le mie nefandezze e calembours estemporanei. Come sempre, la mia parte responsabile mi brontola ogni volta che trovo un diversivo in più dai miei doveri disegneschi, e anche stavolta non ha potuto non ammonirmi con il solito mantra: “ci mancava solo Tumblr!”
Blog preferiti?
A parte l’esilarante Tumblr del mio concittadino e collega Francesco Guarnaccia , a interessarmi sono soprattutto quelli inquietanti, tetrissimi e d’argomento funereo-crepuscolare: tra i vari, citerei Nymphomeniac,  Monster Made Of Eyes, put your mascara on, o Dantes Inferno andando più sul classicismo, come anche Illumanu e lo spavaldo Pre-Raphaelite Art (già il nome fa riderissimo). Ne deduco che dai Tumblr cerco più spunti visivi dell’arte classica da indagare, scopiazzare e parodiare, piuttosto che fumetti e vignette. Però non disdegno neanche i Tumblr splendidamente deliranti come Lana Del Rey Dancing.
Ah, mi ero dimenticato FuckYeahBritishOldSchoolGaming , per evidenti ragioni di nostalgia.
Tu fai parte dei Superamici, alcune fonti mi dicono si tratti di un collettivo di fumettisti che disegna di giorno e sconfigge le forze del male la notte. E’ giusto?
Tutto vero, eccetto quando siamo impegnati in tornei di minigolf in notturna, in quei casi la cittadinanza deve arrangiarsi a difendersi da sola contro le forze del crimine.
Grazie Tuonino :)
viaggioinitaliatp:

Prossimamente, su Linus di Aprile: John Ruskin a Bologna.